X Cookies ci consentono di offrirti il nostro migliore servizio. Continuando la navigazione nel sito, lei accetta l’uso dei cookies. Clicca qui per ulteriori informazioni.
308

Nella camera 308 l’occhio cade prima di tutto sulla grande finestra panoramica. Nascosta dietro le tende dorate, lascia intravvedere un’entusiasmante vista sulle Dolomiti. Le pareti inclinate e la sedia da lettura sul setoso e colorato tappeto “Gabbeh” suscitano un senso di comodità.

L’opera dell’artista pone un’interessante contrapposizione: il suo modo di pitturare si può definire, nel suo complesso, fotorealistico. Gli oggetti, surreali e disorientanti rappresentati da Mazzoni, vengono posti di fronte ad un orizzonte metafisico in movimento e combinati con una frase o con frammenti di frasi.

Nella serie esposta al Greif “Die Körper malen zu den vielen Portraits der Kunstgeschichte” (Dipingere i corpi dei molteplici ritratti della storia dell’arte), l’artista fornisce solo in un secondo tempo i corpi, spesso mancanti nelle rappresentazioni del passato. Il corpo in sé suscita nell’osservatore curiosità e lo induce ad immaginare la parte mancante: Cosa vi fa pensare il fatto che l’unico pezzo mancante, il più identificativo dei fattori, sia proprio la testa?
ARREDI
36 m²
Vista sulle Dolomiti.
Camera doppia con letti confortevoli 200x210 m senza possibilità di aggiungere un terzo letto o lettino per bambini.
Sistema di climatizzazione autonomo, TV interattiva con canali satellitari e radio, connessione Wi-Fi gratuita, cassetta di sicurezza, telefono, minibar, angolo tè, ombrello.
Bagno in marmo con vasca, asciugacapelli, accappatoio, infradito in spugna e prodotti di cortesia Salin de Biosel.