X Cookies ci consentono di offrirti il nostro migliore servizio. Continuando la navigazione nel sito, lei accetta l’uso dei cookies. Clicca qui per ulteriori informazioni.
108

Chiara ed invitante, con grandi finestre, una nicchia e vista su Piazza Walther: la camera 108 vi dà così il benvenuto.

L’opera stessa dell’artista Roberto Floreani ha un effetto chiaro ed invitante; un lavoro nel quale va alla ricerca dell’equilibrio tra movimento e staticità. Nel suo lavoro a più tele Floreani oscilla tra astrazione e concretezza, tra il puro dipingere e la ricchezza di significato delle immagini, concetti che si esprimono nei versi del poeta Ezra Pound:

„A Lady asks me.
I speak in season.
She seeks a reason for an effect, wild often
That is so proud he has LOVE for a name.“
(Ezra Pound, Canto XXXVI)

Nei suoi quadri, ed occasionalmente anche nei lavori su carta, Floreani trae ispirazione da alcune tra le sue poesie preferite di Pound e ne incorpora dei versetti.

Una sedia da lettura e la testata del letto, abbinati l’un con l’altro, si uniformano al colore del broccato scuro.

L’opera di Floreani è posizionata davanti ai tre nudi dell’artista My Ullmann (1905 - 1995). L’allieva del prof. Cizeck è annoverata tra i più importanti sostenitori del cinetismo viennese, una variante del costruttivismo. Il 1926 la porta a trasferirsi in Svizzera, dove lavorò come scenografa.
ARREDI
28 m²
Camera doppia con letti confortevoli 200x210 m e possibilità di aggiungere un lettino per bambini.
Sistema di climatizzazione autonomo, TV interattiva con canali satellitari e radio, connessione Wi-Fi gratuita, cassetta di sicurezza, telefono, minibar, angolo tè, ombrello.
Bagno in marmo con vasca, asciugacapelli, accappatoio, infradito in spugna e prodotti di cortesia Salin de Biosel.