X Cookies ci consentono di offrirti il nostro migliore servizio. Continuando la navigazione nel sito, lei accetta l’uso dei cookies. Clicca qui per ulteriori informazioni.
301

Piacere nel giocare: l’artista Matthias Schönweger ha arredato la camera 301 come un invito a vivere la fantasia. Per lui la vita e l’arte sono stati sin dall’inizio due ambiti molto vicini, in parte inscindibili l’un dall’altro. Il suo operato abbraccia lavori letterari, azioni, assemblaggi, pittura e disegno.

Il suo lavoro per il Greif è un’istallazione che si sviluppa nell’intero spazio della camera, invitando ad un viaggio alla scoperta dei diversi componenti: tutti gli elementi artistici installati all’interno della stanza sono stati applicati dall’artista stesso.

Il fascino particolare deriva dal passaggio dalla seconda alla terza dimensione, dal disegno all’assemblaggio. L’applicazione sulle pareti e sul soffitto sfida, talvolta, la forza di gravità, e mette in dubbio punti di vista ed idee già sperimentati. Gli oggetti sono stati installati secondo una logica fatta di associazioni ed spingono l’osservatore a diverse interpretazioni. Il tappeto “Kelim” a fantasia sottolinea il clima giocoso creato dalla particolare installazione.

All’inaugurazione dell’hotel, l’artista ha portato con sé dei compagni d’eccezione: due gabbie. In una giaceva il suo pappagallo appollaiato, nell’altra i noti “angioletti Thun”, un tipico souvenir del territorio bolzanino. Sulla targhetta di quest’ultima gabbia si legge una scritta: “Mit uns kann man’s ja thun!”. Un gioco di parole in tedesco, dove la parola “thun”, da una parte, si riferisce al marchio della nota fabbrica di ceramiche, dall’altra, al verbo “fare” (tun appunto in tedesco), per esprimere il lamento degli angioletti. È proprio attraverso l’incisione sulla piastrina che, questi ultimi, comunicano la loro rassegnazione al crudele destino di non potersi ribellare dall’essere messi in gabbia.

Giocosa e dai colori vivaci, la stanza presenta anche l’opera “Nach dem Bade” (Dopo il bagno) di Karl Mediz (1868 - 1945). Le sue creazioni, caratterizzate dalla corrente del Simbolismo e dallo stile Liberty, comprendono soprattutto ritratti e composizioni di figure.
ARREDI
41 m²
Camera doppia con letti confortevoli 200x210 m e possibilità di aggiungere un terzo letto o lettino per bambini.
Sistema di climatizzazione autonomo, TV interattiva con canali satellitari e radio, connessione Wi-Fi gratuita, cassetta di sicurezza, telefono, minibar, angolo tè, ombrello.
Bagno in marmo con vasca, asciugacapelli, accappatoio, infradito in spugna e prodotti di cortesia Salin de Biosel.